Social Media Week – Roma

Si è conclusa da pochi giorni la Social Media Week, il festival della rete che ha visto come protagonista Roma (e altre 8 città del mondo in contemporanea) nel quale si è parlato di web, attraverso incontri, iniziative e conferenze dal 7 all’11 febbraio.

Il tema dominante dell’evento è stato “La rete per CondiVivere“, articolato in cinque differenti percorsi tematici riassunti nelle 5 “C”:

1 – Conoscere la realtà, per capire come nascono ed evolvono le nuove forme del sapere e i nuovi canali e strumenti di informazione.
2 – Crescere con la Rete, per sfruttare sempre più la rete come strumento per condividere informazioni e contenuti, per esprimere la propria opinione.
3 – Collaborare senza confini, per scoprire quali tecnologie e strumenti si possono usare per ideare costruire e promuovere i grandi progetti.
4 – Cambiare il mondo, uno sguardo su innovazioni e progetti che fanno discutere, per vedere oggi sviluppi che potrebbero cambiare domani il nostro modo di vivere.
5 – Convivium, una serie di momenti di convivialità per continuare a parlare di internet e dintorni.

L’8 febbraio, è stato incluso all’interno del programma, l’appuntamento con il Social Media Better Tourism: una tappa sul rapporto tra Social Media ed il mondo del viaggio, in un contesto unconventional.

Tra le varie testimonianze e dibattiti, ci siamo soffermati in particolare sull’intervento di C. Francalanci (Politecnico di Milano) e F. Petrovich (Commstrategy), che hanno presentato un progetto volto alla valutazione della reputazione online, grazie all’analisi semantica dell’informazione. Si tratta di uno strumento semi-automatico che monitora i diversi social media (Twitter, Tripadvisor,LonelyPlanet, ecc…) a caccia di commenti riguardanti Milano, in particolare per il settore marketing e turismo.

Per guardare la demo in inglese, clicca qui.

Nel corso delle altre giornate, sono emersi altri spunti interessanti, tra cui il rapporto tra i Social Media e le aziende e una ricerca condotta da FreeDataLabs sui Trend della rete nel 2011.

Recommended Posts

Leave a Comment